Blogo sostiene economicamente il crowdfunding #tuttipossonosbagliare

Scritto da: -

9 gennaio 2015, ore 20.25
Saldo Paypal € 2833,72
Contributo di Blogo: € 3.200.00
Situazione crowdfunding (raccolti / obiettivo): € 6.033,72 / 8.000,00
Donazioni singole: 127

Blogo ha deciso di partecipare come primo sottoscrittore al crowdfunding #tuttipossonosbagliare, in ragione del 40% dell'importo che si cerca di raccogliere. Blogo sostiene, anche in momenti difficili per l'editoria, anche i propri collaboratori freelance.

Qui il testo dell'iniziativa e le modalità di partecipazione alla medesima, così come pubblicati sul blog del direttore di Blogo.it che, insieme ai colleghi di Andrea, cura il crowdfunding e si occuperà della rendicontazione.

#tuttipossonosbagliare

Andrea Signorelli è un giornalista freelance trentenne. Ha scritto un articolo e ha commesso un errore. Ha confuso un politico con un altro. Ha scritto, in un articolo sul finanziamento pubblico ai partiti, un rigo in cui si diceva che Nitto Palma era coinvolto in un processo. Sbagliato: non era lui ad esserlo. Il lavoro giornalistico, oggi, richiede spesso fretta nell’esecuzione e un errore può capitare.

Nessuno ha chiesto la rettifica, Nitto Palma ha semplicemente querelato Andrea per diffamazione: era un suo diritto farlo, funziona così.

Il pezzo è stato corretto dopo la querela, sono state fatte le scuse, si è spiegata la situazione. Nessuna linea difensiva è servita per far capire che si era trattato di un errore che può capitare a tutti e che bastava chiedere la rettifica perché si correggesse immediatamente.

Così, per evitare di finire in tribunale, Andrea ha dovuto risarcire chi si riteneva danneggiato con 8.000 euro. Che, per un giornalista freelance, sono proprio tanti. Siccome #tuttipossonosbagliare, lanciamo un crowdfunding per aiutarlo a coprire questa spesa.

Questo è solo un esempio di ciò che consente il sistema. Un sistema che rende impossibile qualsiasi errore, per un giovane giornalista freelance.

L’hashtag

#tuttipossonosbagliare

L’obiettivo

Supportare Andrea. E non solo. Sensibilizzare sul tema della libertà di stampa e della possibilità di commettere un errore senza dolo e senza per questo essere condannato a una spesa che supera le tue capacità economiche. Perché se il sistema funziona così, allora va a finire che un giornalista, domani, potrebbe pensare di non rischiare parlando di argomenti anche vagamente spinosi.

Come partecipare

Basta cliccare sul pulsante qui sotto e fare la tua donazione (con PayPal o con carta di credito). Rendiconteremo tutte le donazioni effettuate, mantenendo l'anonimato dei donatori. Basta una cifra anche piccola per contribuire(*), è questa la forza del crowdfunding.
Se non puoi aiutarci economicamente, fai circolare questa storia, con l'immagine che trovi qui in alto e l'hashtag #tuttipossonosbagliare. Chissà, magari riusciremo addirittura a creare un piccolo fondo per sostenere altre situazioni analoghe, se dovessimo ottenere più del previsto.

Grazie a tutti,

I colleghi di Andrea


(*) Ricorda solo che per ogni transazione PayPal trattiene 0,35 euro + una percentuale fino al 3,4%

Vota l'articolo:
3.52 su 5.00 basato su 153 voti.